Skip to content Skip to footer

Cerimonia Commemorativa ad Asiago 2016

Cerimonia Commemorativa ad Asiago

24 maggio 2016

Gli alpini novaresi presenti alla cerimonia a Cima Lozze

24 maggio ed il monte Ortigara. Una data ed un luogo. Questi due elementi che hanno caratterizzato la nostra storia sono stati oggetto di un evento dell’Associazione Nazionale Alpini al quale hanno partecipato un nutrito gruppo di alpini novaresi.

La data, 24 maggio, è significativa poiché è il giorno in cui l’Italia entrò in guerra, dopo lunghi tentennamenti, al fianco delle forze dell’Intesa (Inghilterra, Francia e Russia) contro quelle degli Imperi Centrali (Germania, Austria-Ungheria e Impero Ottomano); comportò immani sacrifici e distruzioni, costò la vita a moltissimi italiani.
Il luogo, l’Ortigara, rappresenta uno dei tanti simboli dove, in un estenuante guerra di trincea, con innumerevoli attacchi e subendo altrettanti contrattacchi si concretizzò una guerra di posizione sanguinosissima.

L’ANA ha voluto, nella ricorrenza per il centenario della prima guerra mondiale, ricordare la terribile tragedia chiamando a raccolta i propri iscritti; a questa manifestazione ha partecipato il Presidente della Repubblica Mattarella che ha constatato i profondi sentimenti e la volontà partecipativa che ci contraddistinguono. La Sezione Alpini di Novara, guidata dal Presidente Palombo, ha presenziato a questa manifestazione con il Vessillo sezionale e numerosi Gagliardetti accompagnati da un folto gruppo di alpini; l’evento  si svolto in due cerimonie, la prima al Sacrario del Leiten ad Asiago, e la seconda a Cima Lozze ai piedi dell’Ortigara, montagna simbolo degli Alpini.

Gli Alpini sentono il bisogno di mantenere vivo il ricordo ed sollecitano chiunque voglia essere partecipe di unirsi a noi affinché si possa continuare a mantenere la memoria di chi ha donato la vita per la Patria; il nostro dovere si esercita compiutamente quando riusciamo a concretizzare interventi ed azioni volti al coinvolgimento di ogni strato sociale per far comprendere che i risultati di quella guerra, come peraltro ogni evento simile, non generò né benessere economico, né prosperità, bensì gettò le basi per un nuovo e più devastante conflitto. La lezione non fu compresa.
Ecco che è basilare compire ogni sforzo possibile affinché si faccia comprendere che solamente attraverso il dialogo e le intese e non con le barriere e le chiusure che si può conseguire lo sviluppo economico e sociale. Tenere vive e tramandare le nostre tradizioni, come stabilisce il nostro Statuto,  comporta l’impegno affinché si faccia tutto quanto umanamente è possibile ad evitare che eventi così tragici si possano ripetere.

Mario Gallina

{igallery id=”3100″ cid=”411″ pid=”2″ type=”classic” children=”1″ showmenu=”1″ tags=”” limit=”70″}

Gli alpini novaresi presenti alla cerimonia al Sacrario del Leiten

Ad Asiago, il 24 maggio 2016, in occasione della visita del Presidente della Repubblica la Sezione di Novara è stata presente in forze, ben 27 i partecipanti a questa trasferta iniziata di buon mattino e vissuta in un luogo incantevole per la bellezza del paesaggio.
Sembra impossibile che cento anni fa l’uomo abbia potuto compiere uno scempio in un posto così bello, quasi magico.

Ora a ricordo di quei tragici eventi rimane il grandioso Sacrario del Leiten dove riposano i resti di quasi 60000 caduti tra italiani ed austriaci e da qui è iniziata la visita del Presidente Mattarella con la deposizione di una corona di alloro in memoria di tutti i caduti.

La salita al Sacrario del Presidente Mattarella è stata accompagnata da due ali di bambini che sventolavano gioiosamente il tricolore e dietro a loro numerosi Vessilli e gagliardetti dell’ANA.
A questa cerimonia e a quella in paese la Sezione è stata rappresentata con il secondo Vessillo, scortato dal Vice Presidente Caviggioli con alfiere l’alpino Zaino; presenti anche i gagliardetti di Bellinzago, Cameri, Novara, Oleggio, Recetto e Romentino.

Tutti i partecipanti si sono poi mossi verso il centro di Asiago dove si è tenuta la cerimonia ufficiale in Piazza Carli, con la presenza dei picchetti d’onore di Alpini, Marina, Carabinieri ed Aeronautica; presente inoltre la Bandiera di Guerra del 2° Reggimento Alpini e la Fanfara della Brigata Alpina Taurinense.
Sul palco allestito in Piazza Carli, si sono alternati i vari oratori per le allocuzioni di rito concluse dal Presidente Mattarella prima di recarsi a Cima Lozze dove era atteso dal Labaro Nazionale, da Vessilli e Gagliardetti e dalla moltitudine di Alpini “camminatori” che hanno privilegiato questa seconda parte della giornata.

Ancora una volta la presenza massiccia dell’ANA ha reso questa giornata ancora più solenne e ricca di significato; la risposta all’appello del Presidente Favero, che richiedeva la presenza di noi Alpini come un dovere morale verso i nostri Padri che hanno fatto la storia del nostro travagliato Paese, non è andata delusa.

Marco Caviggioli

{igallery id=”6203″ cid=”413″ pid=”2″ type=”classic” children=”1″ showmenu=”1″ tags=”” limit=”60″}

Video

Nel video, estratto dalla diretta televisiva di TVA Vicenza, la deposizione della Corona presso il Sacrario del Leiten con gli Onori ai Caduti del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e a seguire l’intervista da parte dell’emittente televisiva al Vicepresidente della Sezione di Novara Marco Caviggioli.

{flv}Asiago_2016_Clip{/flv}

Via Andrea Falcone, 9 – 28100 Novara (NO)   – Telefono: 371-3435367   – Email: novara@ana.it

Copyright ©️ 2021 — Associazione Nazionale Alpini – Sezione di Novara. Codice Fiscale e Partita IVA: 01624100036.

È vietato l’uso non autorizzato dei contenuti di questo sito. L’utilizzo della posta elettronica in questo sito è consentito solo per scopi associativi.

cst2

 Sito realizzato grazie al contributo del CST Novara VCO.